Trento Trentino Alto Adige region What to see Best hidden gems in italy
since 12.11.2019 10:29
N/A
[  INFOS CONTACS RESERVATIONS ]

  Suggestion 251195         visits 2230

Christmas markets Mercatino di Natale Trento Town historical center Trentino Alto Adige

  • Christmas markets Mercatino di Natale Trento Town historical center Trentino Alto Adige
  • Trento Town historical center Trentino Alto Adige region of Italy.jpg
  • Trento Town Trentino Alto Adige region of Italy.jpg

 Video

The capital city of the Trentino region, Trento is a perfectly sized city break. It won’t exhaust you like a weekend in Rome, but it still provides ample opportunity to experience the best of Italy; culture, art, food, more food and that relaxed vibe that makes Italy so unique, making it a firm favourite on my Italy hidden gem list.
The cobbled streets of the city were spotless, a far cry from some of the filthier areas of, the larger Italian cities, while the impressive Buonconsiglio Castle, galleries and outside frescos provide enough culture without being overwhelming.
Over a weekend I could walk the streets with no rush to be anywhere, turning down little alleyways, grabbing drinks in the main square under the impressive cathedral and enjoy being in a city where the locals seemed as excited to be there as I did.
While the region of Trentino is popular with neighbouring countries to visit by car, it’s still a relatively off the beaten path destination in Italy.

Trento (Archaic English: Trent, German: Trient), is a bit of an upmarket town in the northeast of Italy.
History made it a proud town, with a number of large manors outside of the town, where bishops used to come for holidays. Nowadays it is one of the most expensive towns in Italy, due to farming, wine, and high-tech industries. At Easter the fields around Trento are in bloom with apple blossoms.
The town centre is more or less a pedestrian area, and walking around the historic centre you can see a number of outdoor frescos on historic buildings. In the past the river Adige flowed right outside the centre where now Torre Verde is.
The city is probably best known for the Council of Trent, which gathered in Trento in the sixteenth century for many periods of several years in buildings which dominate the town centre. The purpose of the council was to respond to the doctrinal challenge that the Protestant Reformation represented to the Catholic Church, with the results being known as the Counter-Reformation.
There is one other noteworthy historical event that took place in Trento, related to Judaism.
A little boy named Simione died about five hundred years ago.
The event was blamed on the Jews, with stories of Pagan rituals. Fictional scenes are depicted on two plaques on via Roma. In punishment for the alleged crime, all Jewish men in Trento were killed, while women and children were expelled.
The Jews put a ban on Trento in return.
In the 1990s, relations between Trento and the Jewish community improved when the Trentini stopped (officially) honouring Simione as a martyr, and the ban was lifted.
A plaque in a little alley off via Roma commemorates this occasion.

There are a lot more things to do in Trento than I imagined.
From sprawling piazzas to riverside walks and historic cathedrals, this place has it all.
There’s even a castle.
We spend two days exploring Trento and get a feel for what the city has to offer.
Walk through the historical center.
Renaissance frescoes decorate facades along Via Rodolfo Belenzani, which leads down to the main square, Piazza Duomo.
There are multilingual signs along the way detailing the history of the buildings, which enriches the experience.

Coming from the motorway it is easy to find in the gray Adige river, which borders the city accompanying visitors to the beautiful historic center.
Its central geographical position and environment has led it to become the perfect hinge between the Germanic and Mediterranean-Latin culture: in fact, every monument and every building architecture is a heterogeneous mixture of styles and traditions.
You can start your visit from the Duomo, the Cathedral of San Vigilio, the first stage which can be reached from the back, and then being spellbound by the square with the fountain of Neptune.
In Piazza Duomo the "Case ai Portici", on the corner of Via Belenzani, combine the typical Alpine architecture, simple and genuine to the sophisticated color scheme of the sixteenth century, with frescoes by Marcello Fogolino.
Half an hour walk from the center of Trento you will find Doss, a little hill overlooking the Adige, with a nice scenic walk.
Cross the river, arriving at Piedicastello and follow the signs that will take you on top of the mound, then enjoy the view and the silence ... unique!
You can also enjoy a quick picnic, picnic areas near Trento are lots.
You will find many species of wild flowers, and trails through the woods to the valley.
Among the green dunes mausoleum of Cesare Battisti stands outwith its shiny stone colonnade ... a visit is a must!

Set in a wide glacial valley guarded by the crenellated peaks of the Brenta Dolomites, amid a patchwork of vineyards and orchards transected by 400km of paved bike paths, Trento is a perfect jumping-off point for hiking, cycling, skiing or wine tasting.
Those with an interest in history will also find Trento fascinating: the Council of Trent convened here in the 16th century, during the tumultuous years of the Counter-Reformation, dishing out far-reaching condemnations to uppity Protestants.

Trento was known as Tridentum to the Romans, a name celebrated by the eighteenth-century Neptune fountain in the central Piazza Duomo.
From the tenth to the eighteenth centuries, the city was a powerful bishopric ruled by a dynasty of princes.

Trento is a prosperous, cosmopolitan university town that retains an architectural charm befitting its historical importance.
It was here, from 1545 to 1563, that the structure of the Catholic Church was redefined at the Council of Trent.
Piazza del Duomo remains splendid, and its enormous medieval palazzo dominates the city landscape in virtually its original form.

Hidden in the Trentino/Alto Adige region of northern Italy bordering Austria and Switzerland, the city of Trento is famous for its rich history, close proximity to the Dolomites and for being one of the country’s wealthiest regions.
Unlike so many other cities in Italy, Trento has managed to remain a secret gem accessible only to those in the know making it the perfect place to explore at your own pace.
No matter where you go, the feeling that you are welcome and even part of the community is present in every interaction with the locals.
As you make your way through the various side streets and piazzas, you are transported to a different time and place where every single building tells a story.
The beauty of Trento is that if you listen closely you will be able to hear each and every one of them.

Next to the duomo is the Palazzo Pretorio. Built in the 12th century it has a bell tower from the 13th century and hosts a collection of baroque paintings of religious scenes. Bishops lived here until the mid-13th century.
Gothic frescoes are found in the Buonconsiglio Castle which also contains the Provincial Gallery of Art.
See examples of modernist architecture in the train station and the post office.

Trento is a city of art, history, and represents a crossroads for the contrasting cultures of Italy and northern Europe.
Trento was the Romans' strategic gateway to the north.
For centuries to follow, the region was the base for fortresses such as Castello del Buonconsiglio.

This landscape abounds with singular natural treasures, among which are the famous Segonzano Pyramids, bizarre columns formed by high peaks that are in turn surmounted by boulders; and the spectacular Nardis Cascades in Val di Genova, white waterfalls that rush over contrasting black rocks. Beautiful valleys like those of Val di Fassa, Val di Fiemme and Val di Non run between the Dolomites, and are home to modern tourist resorts surrounded by breathtaking lakes, woods and pastures.
Trento is famous for the beauty of its landscape and the quality of its snow, making it a favorite destination for ski enthusiasts.
It has excellently equipped ski hubs with hundreds of miles of slopes, particularly Madonna di Campiglio, Canazei, Cavalese, and San Martino di Castrozza.
These localities are visited by tourists throughout the year, due to the fact that they offer so many opportunities for vacations amidst nature.

Trento è un comune italiano capoluogo della provincia autonoma di Trento e della regione Trentino-Alto Adige.

La città di Trento è situata nella valle del fiume Adige, a circa 150 km dalla sorgente del fiume e a 250 km dalla sua foce, 55 km a sud di Bolzano e 95 km a nord di Verona.
La città di Trento è collocata al centro di un'area urbana compresa latitudinalmente tra Mezzolombardo e Rovereto e che si estende ad est verso la Valsugana, fino al comune di Pergine.

Trento è una città che offre molto! Non solo monumenti, palazzi e castelli ricchi di storia, ma anche un’atmosfera rilassante, cultura e specialità gastronomiche.
A molti turisti sfuggono le particolarità della città perché hanno semplicemente troppa fretta per correre in vetta alle montagne e non si prendono il tempo per guardarsi Trento.
La varietà di monumenti e musei è grande, l’elenco seguente non è perciò da considerarsi completo: Castel del Buonconsiglio, la chiesa di S. Maria Maggiore, Piazza del Duomo con la Cattedrale di San Vigilio, Palazzo Pretorio e la fontana di Nettuno, la chiesa di S. Apollinare, la chiesa di San Lorenzo, il monumento a Dante Alighieri, il Museo Diocesano Tridentino, il Museo delle Scienze Naturali, il Museo dell’Aeronautica, il Museo degli Alpini…

Basilica Duomo di San Vigilio a Trento
Il maestoso Duomo di S. Vigilio a Trento, dedicato al patrono della città, si affaccia sulla piazza principale e merita una visita perché, oltre ad essere la chiesa principale della città, dal 1545 al 1563 ha ospitato il Concilio di Trento.
Il Castello del Buonconsiglio di Trento è una delle mete più importanti del Trentino Alto Adige.
Il MART di Rovereto, fuori Trento
Anche se la sua sede principale si trova a Rovereto, a circa 28 km da Trento, il MART (Museo di Arte moderna e contemporanea di Rovereto e Trento) è una tappa obbligata per chi visita Trento.
Il Palazzo Pretorio e la Torre Civica di Trento si trovano in centro e si affacciano su Piazza Duomo, il ritrovo principale della città: si tratta di monumenti maestosi e tutti da scoprire, ricchi di storia e perfetti da visitare in una mezza giornata.
Il Palazzo Roccabruna di Trento, da non confondere con Castello Roccabruna (sede del Municipio), è il modo ideale per concludere la visita al centro di Trento.
Il Monte Bondone è noto come l’Alpe di Trento, domina la città a ovest e si eleva per oltre 2.100 metri sul livello del mare.
Le sagome delle sue cime principali sono visibili da tutta la città e insieme costituiscono una Riserva Naturale Integrale che offre sport, svago ed emozioni sia in inverno che in estate.
Il Lago di Toblino si trova a circa 15 km a ovest di Trento e merita una visita perché è considerato uno dei più romantici di tutto il Trentino.
Il mercatino di Natale a Trento è una tradizione tutta mitteleuropea e un’occasione unica per immergersi nella vera atmosfera natalizia della città.
Cosa mangiare a Trento? Trento è una città ricca di storia e dal passato importante: la tradizione mitteleuropea e l’orgoglio montanaro si fondono alla perfezione nella sua cucina: robusta, saporita, profumata. Tra i salumi tipici c’è la carne salà (carne salata): carne di vitello, maiale o pecora essiccata e insaporita con sale, alloro, ginepro, rosmarino, e tagliata a strisce sottili, accompagnata da un buon bicchiere di vino rosso.

Piazza del Duomo è il punto di partenza obbligato di una visita a Trento.
Non solo perché ne è il principale centro di attrazione, ma anche perché confluiscono in essa le strade più importanti della città. Insomma, sia punto di interesse che nodo viario secondo uno schema mutuato dalla tradizione urbanistica romana e consolidatosi nel corso del medioevo.
Oltre alla Cattedrale di San Vigilio, di cui parleremo nel prossimo punto, Piazza del Duomo ospita altri palazzi di grande interesse storico-culturale.
Meritano, in particolare, Palazzo Cazuffi e Palazzo Rella, due edifici attigui la cui particolarità consiste nella decorazione delle rispettive facciate.
Non è finita, perché sempre in zona, ci sono Palazzo Pretorio e la Torre Civica.
Il primo è sede del Museo Diocesano Tridentino che ospita, documenti, reperti e opere d’arte d’inestimabile valore, mentre la Torre Civica è una struttura militare medievale (venne utilizzata anche come prigione) dalla cui sommità si sparavano colpi di artiglieria e fuochi d’artificio durante le feste del Concilio e al passaggio di grandi personalità.
Infine, guai a dimenticare la Fontana del Nettuno proprio al centro della piazza, raffigurante il dio romano con in mano un tridente, messa in relazione all’antico nome della città Tridentum.

Trento è un piccolo gioiello, un salotto elegante da visitare in uno o due giorni: la città non è molto grande ed è possibile scoprirla piacevolmente a piedi.
La visita non può che iniziare da Piazza Duomo con la sua fontana del Nettuno, dove si affacciano importanti costruzioni in stile romanico come la Cattedrale di San Vigilio e il Palazzo Pretorio che ospita il tesoro della Cattedrale e il Museo Diocesano Tridentino.

Una visita a Trento parte dal centro storico, dalle sue vie principali e dalla splendida piazza del Duomo, con la Cattedrale di San Vigilio, il Palazzo Pretorio e l’imponente fontana del Nettuno. Curiosità: all’interno della piazza c’è anche una fontana più piccola, quella dell’Aquila, che presenta alla sua sommità la statua dell’animale (secondo la leggenda, pietrificato per incantesimo).
Proseguiamo nella bella Piazza Cesare Battisti: può darsi che tu l’abbia già vista vestita a festa in occasione dei mercatini di Natale di Trento, ora puoi riscoprirla nella sua veste “normale” (ma sempre suggestiva). Da qui puoi imboccare la Galleria dei Legionari trentini, osservando il grande e discusso mosaico dedicato alla “donna del Fascio” e arrivando davanti alla Chiesa dei Santi Pietro e Paolo, con il suo campanile gotico dalle tegole verde brillante.
Immancabile una visita al Castello del Buonconsiglio, simbolo della città e sede dei Principi Vescovi, che ospita interessanti mostre.

In aereo Gli aeroporti più vicini a Trento sono quelli di Verona, Bolzano, Venezia e Bergamo. Verona “Valerio Catullo” (90 km), è l’aeroporto di grandi dimensioni più vicino al Trentino, da cui è possibile raggiungere Trento in circa un’ora attraverso l’autostrada A22.
Da qui disponibile un servizio di aerobus tutti i giorni ogni 20 minuti verso la stazione ferroviaria di Verona. Bolzano “Dolomiti” (57 km).
In macchina Il Trentino si raggiunge facilmente in auto, in moto e in camper.
L’Autostrada A22 Brennero-Modena attraversa tutta la provincia e si raccorda con due delle principali autostrade italiane, la A1Milano-Napoli e la A4 Milano-Venezia. Dalle uscite dell’A22 si diramano le strade statali che conducono a ciascuna località.
In treno Anche il treno è un mezzo confortevole per raggiungere la regione e il suo capoluogo.
Le città principali della provincia, Trento e Rovereto, sono servite da treni a lunga percorrenza ed entrambe le stazioni si trovano vicino al centro cittadino.

La città sotterranea
Scoprite le origini romane di Trento scendendo nel sottosuolo dell’attuale centro urbano.
In piazza Cesare Battisti, accanto allo storico Teatro Sociale, trovate delle scalinate che conducono allo Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas.
Qui potete visitare un ampio quartiere dell’antica Tridentum, la città fondata dai Romani nella metà del I secolo a.C. per motivi strategici, definita Splendidum Municipium dall’imperatore Claudio. Personalmente non sono un’appassionata di archeologia, ma questo sito è da vedere e camminare sulle pavimentazioni stradali in pietra di secoli fa è emozionante. Lo spazio del S.A.S.S è oggi più che mai vivo: oltre ai reperti antichi, si tengono incontri, mostre e spettacoli.
Il salotto di Trento
Passeggiate, senza fretta, nell’amabile centro storico di Trento, abitato anche nelle sue vie più centrali.
La piazza ospita spesso concerti e mercatini!

Trento Trentino Alto Adige region What to see Best hidden gems in italy Selected websites Top experiences Tourist attractions guides travel blogs Itinerari Percorsi Attrazioni e Siti turistici a Trento Trentino Alto Adige  Top sights in Trento Trentino Alto Adige Italy


https://en.wikivoyage.org/wiki/Trento
https://www.aladyinlondon.com/2019/06/trento-italy.html
https://ecobnb.com/trento/guide
https://www.lonelyplanet.com/italy/trentino-alto-adige/trento
https://www.visittrentino.info/it/articoli/info-pratiche/app-trentino-tourist-guide
https://www.roughguides.com/destinations/europe/italy/trentino-alto-adige/trento-around/
https://travelguide.michelin.com/europe/italy/trentino-alto-adige
https://www.planetware.com/tourist-attractions-/trento-i-taa-tr.htm

https://it.wikivoyage.org/wiki/Trento
https://www.informagiovani-italia.com/trento.htm
https://it.wikipedia.org/wiki/Trento/
http://www.trentotoday.it/eventi/
http://www.cosafarei.it/trento
https://www.10cose.it/trento/cosa-vedere-trento
http://www.italiavai.com/italia/guide-turistiche/vacanza-trento-cosa-vedere.asp
Price: N/A
Suggestion 251195
Expire in
90 weeks, 2 days
hoteldiscoun

 Questions Answers - Login Required

No questions answers have been posted.

Other

< Previous  Next >